Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Apertura contrastata per la Borsa svizzera, con l'indice SMI dei titoli guida che dopo i primi scambi cede lo 0,17% a 9,040.71 punti, mentre l'indice complessivo SPI avanza dello 0,44% a quota 9.005,49.

Avvio di seduta positivo invece per Milano (Ftse Mib +0,30% a 22.365 punti), Londra (FTSE-100 +0,14% a 6.950,68 punti), Parigi (CAC 40 +0,10% a 4.922,43 punti) e Francoforte (Dax +0,13% a 11.424,67 punti).

Rally di Wall Street nella seduta di ieri. Il Dow Jones è salito dello 0,86% a 18'288,63 punti, stabilendo un nuovo record. Il Nasdaq ha chiuso per la prima volta in 15 anni sopra quota 5000, a 5008,10 punti, in aumento dello 0,90%. Lo S&P 500 ha messo a segno un progresso dello 0,6% a 2117,1 punti, un nuovo record.

Stamane la Borsa di Tokyo, dopo tre sedute positive di fila, ha chiuso praticamente invariata. L'indice Nikkei ha ceduto lo 0,06% attestandosi a quota 18.815,16 punti, appesantito dalle prese di beneficio.

I mercati asiatici scontano i timori per un rallentamento dell'economia cinese dopo che Xinhua, l'agenzia di Stato, ha scritto che il governo potrebbe annunciare, in occasione della sessione inaugurale dell'Assemblea Nazionale del Popolo, un target di crescita per il 2015 del 7%, inferiore a quello del 2014.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS