Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Borsa svizzera apre fiacca

Apertura fiacca per la Borsa svizzera: l'indice SMI dei principali titoli segna dopo i primi scambi una flessione dello 0,22% a 8.431,47 punti, mentre l'indice complessivo SPI arretra dello 0,19% a quota 8.694,06.

Avvio di seduta positivo invece per Milano (Ftse Mib +0,24% a 20.238 punti), Francoforte (Dax +0,30% a 10.010 punti) e Londra (Ftse 100 +0,40% a 5.977 punti), mentre Parigi ha aperto piatta (Cac 40 +0,05% a 4.406 punti).

Ieri sera Wall Street ha chiuso in territorio negativo. Il Dow Jones ha perso il 2,32% a 16.514,77 punti, il Nasdaq ha ceduto il 3,03% a 4.689,43 punti mentre lo S&P 500 ha lasciato sul terreno il 2,4% a 1.943 punti.

L'indice NIkkei della borsa di Tokyo, stamane, ha terminato la seduta in lieve ribasso, appesantito dalle inquietudine per l'economia cinese; e così ha siglato la quinta seduta consecutiva in rosso, cosa che non era mai accaduta all'inizio dell'anno dal momento della sua nascita, nel 1949. A chiusura delle contrattazioni, l'indice dei 225 principali titoli del mercato nipponico ha perso 39,38 punti, attestandosi a 17.697,96 punti.

Sempre stamane le principali borse cinesi hanno terminato in solido rialzo in seguito alla sospensione dopo appena una settimana del meccanismo di blocco automatico delle contrattazioni in caso di eccesso di ribasso, che aveva aumentato la volatilità dei listini invece di attutirla. Shanghai ha archiviato la seduta con un progresso dell'1,97%, mentre Shenzhen è cresciuta dell'1,05%. Positive anche Hong Kong (+1,12%), Singapore (+0,81%) e Seul (+0,70%). Negativa Sydney (-0,38%), che ha sofferto per il calo dei prezzi delle materie prime.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.