Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera ha aperto le contrattazioni in chiaro calo: alle 9.20 l'SMI cede lo 0,43% a 9'042.88 punti, mentre il listino allargato perde lo 0,48% a 9'167.65 punti. A pesare è sempre la crisi greca.

Dopo l'incontro inconcludente della scorsa notte un nuovo round di trattative tra Grecia e creditori ha preso il via stamane: sono presenti il premier Alexis Tsipras, il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, il presidente della Bce Mario Draghi e la numero uno dell'FMI Christine Lagarde.

Avvio negativo anche per le principali piazze europee: a Londra il FTSE 100 perdeva lo 0,34% a 6.821,49 punti, a Francoforte il DAX scendeva dello 0,53% a 11.410,62 punti, a Parigi il CAC 40 calava dello 0,97% al di sotto 4.996,63 punti mentre a Milano il FTSE Mib nei primi scambi segnava -0,65% a 23.291 punti.

Negativa anche la Borsa di Tokyo, dove il Nikkei ha ceduto stamane lo 0,46% a 20.771,40 punti. Ieri sera a Wall Street il Down Jones ha perso lo 0,98% a 17.966 punti, il Nasdaq lo 0,73% a 5.122 punti e lo S&P 500 lo 0,74% a 2.108 punti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS