Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Partenza in rialzo per la borsa svizzera con l'indice SMI dei titoli guida che dopo i primi scambi segna un progresso dello 0,48% a quota 8.515,86 mentre l'indice complessivo SPI sale dello 0,15% a 8.679,91 punti.

Avvio di seduta positivo anche per Londra (FTSE-100 +0,37% a 5.957,77 punti), Francoforte (DAX +0,20% a 9.589,70 punti), Milano (Ftse Mib +0,43% a 21.120 punti), mentre Parigi rimane ferma al palo (CAC 40 -0,02% 4.427,79 punti).

Ieri sera Wall Street ha chiuso le contrattazioni in flessione: il Dow Jones ha perso l'1,10% a 16.328,60 punti, il Nasdaq ha ceduto l'1,50% a 4.756,72 punti, mentre lo S&P 500 ha lasciato sul terreno l'1,2% a 1.943 punti.

Sui listini asiatici hanno pesato i timori di un possibile rialzo dei tassi americani entro l'anno e lo scandalo Volkswagen. A peggiorare il quadro ha contribuito la lettura preliminare dell'indice pmi cinese, sceso a 47 a settembre, ai minimi dal 2009. Hong Kong sta cedendo il 3,1% e Shanghai il 2,1%.

Chiusa Tokyo, Sydney ha perso il 2,1%, Seul l'1,9% e Taiwan il 2,1%.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS