Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera ha aperto la seduta con gli indici che oscillano sopra e sotto la parità. Alle 09.15 l'SMI lo 0,16% a 8'636.07 punti, l'SPI lo 0,09% a 8'837.86 punti.

Subito in evidenza Credit Suisse (-2,61%): il piano di risparmi da 3,5 miliardi di franchi annunciato stamane potrebbe comportare la cancellazione di 1600 posti di lavoro in Svizzera e di 5000 nel mondo sull'arco di tre anni. Non sono comunque previsti licenziamenti. Complessivamente l'istituto vuole comprimere entro il 2018 i costi di 3,5 miliardi di franchi all'anno. Intanto nel terzo trimestre la grande banca ha registrato un calo dei ricavi operativi dell'8%, a 5,98 miliardi; l'utile netto attribuibile agli azionisti è sceso da un anno all'altro del 24% a 779 milioni.

Sotto i riflettori anche ABB (+2,14%) nonostante nel terzo trimestre abbia realizzato un utile di 577 milioni di dollari, in calo del 21% su base annua, e il fatturato si sia contratto del 13% a 8,52 miliardi. Da parte sua Syngenta avanza del 5,39% dopo che il CEO Mike Mack ha annunciato che lascerà la carica a fine mese.

Quanto alle principali piazze europee, partenza in timido rialzo per la Borsa di Londra, con il Ftse 100 che registra una crescita dello 0,1%. A Francoforte il Dax mostra nelle prime battute una crescita dello 0,4%, a Parigi il Cac 40 avanza dello 0,4% e a Milano anche il Ftse Mib segna una crescita dello 0,4%.

Stamani a Tokyo l'indice Nikkei ha chiuso con un rialzo dell'1,9% 18.194,28 punti sulle aspettative di nuovi interventi della banca centrale nipponica. Ieri sera a Wall Street il Dow Jones ha invece perso lo 0,08% a 17.217,11 punti, il Nasdaq lo 0,50% a 4.880,97 punti e lo S&P 500 lo 0,14% a 2.030,77 punti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS