Navigation

Borsa svizzera apre positiva

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 dicembre 2019 - 09:30
(Keystone-ATS)

La borsa svizzera ha avviato positivamente la prima seduta dell'anno, con l'indice SMI dei principali titoli che dopo i primi scambi segna una progressione dello 0,41% a 10'618,91 punti, mentre l'indice complessivo SPI sale dello 0,39% a quota 12'817,11.

Gli investitori sono in attesa dei dati macroeconomici in arrivo da Stati Uniti e Regno Unito. Sullo sfondo resta l'attesa per i contenuti dell'accordo tra Usa e Cina sul fronte del commercio globale, mentre l'impeachment del presidente statunitense Donald Trump non ha avuto alcun effetto sui mercati.

Sulle altre piazze europee apertura tendenzialmente promettente: a Milano l'indice Ftse Mib guadagna lo 0,58% a 23'861,97 punti; a Parigi il CAC 40 progredisce dello 0,12% a 5'979,53 punti; il DAX a Francoforte avanza dello 0,03% a 13'216,10 punti, mentre a Londra il FTSE 100 cede lo 0,48% a 7'573,21 punti.

Tokyo ha terminato in lieve calo (-0,20%) a quota 23'816,63. A influenzare l'andamento del mercato è stato l'annuncio dell'andamento dei prezzi al consumo, che in Giappone continua a mantenersi al di sotto dell'obiettivo della banca centrale nipponica (Boj).

Chiusura con record invece per Wall Street: il Dow Jones è salito dello 0,48% a 28'375,87 punti, il Nasdaq è avanzato dello 0,67% a 8'887,22 punti mentre lo S&P 500 ha messo a segno un progresso dello 0,44% - sfondando per la prima volta quota 3'200 - a 3'205,28 punti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.