Tutte le notizie in breve

La borsa svizzera ha praticamente azzerato le perdite: alle 15.00 l'indice dei valori guida SMI segnava 9012,20 punti, in flessione dello 0,05% rispetto a venerdì, mentre il listino globale SPI guadagnava lo 0,14% a 10'217,36 punti.

Anche il mercato elvetico, come le altre piazze continentali, reagisce con calma alla vittoria dell'europeista Emmanuel Macron nelle elezioni presidenziali francesi, considerata già contemplata nei corsi. Non si sta ripetendo quindi il balzo euforico seguito al primo turno, quando le incertezze erano molto più elevate.

Qua e là in mattinata sono stati anche osservati realizzi di guadagno, dopo una settimana da incorniciare, che a visto l'SMI salire per la prima volta oltre i 9000 punti dal dicembre 2015. Ma con il trascorrere delle ore vi è stato un certo recupero.

Sul fronte interno gli occhi rimangono puntati su Sika (+0,31%), che dal 15 maggio sostituirà Syngenta (+0,63%) all'interno dell'SMI in seguito all'acquisizione del gruppo renano da parte di ChemChina. È il secondo cambiamento nello spazio di pochi giorni: mercoledì scorso Lonza (-0,53%) aveva preso il posto di Actelion.

Continua ad avere un pesante impatto sul listino UBS (-3,51%), da oggi scambiata senza dividendo. In rosso è anche Credit Suisse (-0,84%), mentre resiste meglio Julius Bär (+0,10%). Nel comparto assicurativo sono ulteriormente scivolati all'indietro gli assicurativi Zurich (-0,36%) e Swiss Life (-0,57%), che presenterà mercoledì il bilancio dopo tre mesi; Swiss Re (+0,61%) ha per contro allungato il passo.

Male orientati risultano essere i valori più sensibili ai cicli economici come ABB (-0,41%), LafargeHolcim (-4,12%) - senza dividendo - e Geberit (-0,7%0). Fa eccezione Adecco (invariata), che domani pubblicherà i trimestrali. Nel segmento del lusso Swatch (-1,41%) appare ancora più in difficoltà di Richemont (-0,44%).

Trainano il listino Nestlé (+0,44%) e Novartis (+1,17%), mentre si defila il terzo peso massimo difensivo, Roche (-0,04%).

Nel mercato allargato sotto pressione è Aryzta (-4,61%), che temporeggia riguardo alla sua partecipazione del 49% nel distributore francese di prodotti surgelati Picard. Wisekey (+1,74%) ha informato sull'andamento degli affari.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve