Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Giornata positiva oggi per la Borsa svizzera, sostenuta dagli acquisti sui titoli bancari e assicurativi e da Nestlé. In chiusura l'indice dei titoli guida ha guadagnato lo 0,65% a 6470,84 punti. Sul mercato allargato, l'SPI è salito dello 0,64% a 5714,23 punti.
Ad infondere un certo ottimismo sono stati risultati positivi di varie aziende provenienti dagli Stati Uniti e il versamento alla Grecia della prima tranche di aiuti da parte dell'Ue.
Seguendo un trend europeo, i titoli bancari si sono ripresi in parte dalle perdite subite nelle scorse sedute. UBS è cresciuta del 2,08% a 16,22 franchi. Il Credit Suisse è salito dell'1,59% a 47,29 franchi e Julius Baer dello 0,94% a 34,32 franchi.
Acquisti anche sugli assicurativi, con ZFS che è avanzata dello 0,98% a 236,6 franchi, Swiss Re dell'1,34% a 48,44 franchi e Swiss Life dell'1,53% a 126,4 franchi. Anche le società assicurative detengono titoli di stato di Paesi di Eurolandia altamente indebitati, sebbene in quantità minore rispetto alle banche.
Tra i pesi massimi Nestlé ha guadagnato lo 0,38% a 53,15 franchi. Roche ha chiuso invariata a 163,9 franchi, così come Novartis (53,05 franchi). Ieri il colosso farmaceutico è stato riconosciuto colpevole di aver discriminato negli Stati Uniti il suo personale femminile. Il tribunale di New York che ha giudicato il caso dovrà ora decidere l'indennizzo da attribuire alle vittime e stabilire se la società dovrà pagare multe.
Tra i titoli ciclici, ABB è salita dell'1,46% a 20,15 franchi. Oggi l'azienda ha indicato di voler costruire una nuova fabbrica negli Usa per la realizzazione di cavi per l'alta tensione. Si parla di un investimento di 90 milioni di dollari per una struttura che darà lavoro a 100 persone.

SDA-ATS