Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera ha chiuso la prima seduta del 2016 con l'indice SMI dei principali titoli in flessione dell'1,83% a quota 8'656.31, mentre l'indice complessivo SPI è arretrato dell'1,81% a 8'929.25 punti.

La corrente di vendite ha investito tutte le principali piazze europee, in scia al forte calo dei listini asiatici e nonostante la crescita dell'indice Pmi manifatturiero dell'Eurozona a dicembre. Anche Wall Street ha avviato le contrattazioni con un tonfo del 2,01%, accentuando le perdite con il passare delle ore.

Ad innescare la spirale al ribasso sono state le borse di Shanghai e Shenzhen, che dopo aver segnato una flessione di oltre 7 punti percentuali, sono state costrette stamane alla chiusura "forzata" in base a un meccanismo automatico di "interruzione degli scambi" introdotto proprio oggi per frenare la volatilità sui mercati asiatici.

Il blocco ha fatto seguito alla nuova frenata a dicembre per l'industria cinese, con l'indice Pmi manifatturiero sceso a 48,2 punti, sotto le attese degli analisti che si aspettavano invece una crescita. Si è trattato, ricorda l'agenzia Bloomberg, del quinto mese consecutivo in calo, la serie negativa più lunga dal 2009.

I listini hanno inoltre subito le ripercussioni delle tensioni tra Iran e Arabia Saudita, che hanno fatto risalire le quotazioni del prezzo del petrolio.

Sulla piazza zurighese le perdite più consistenti sono state fatte segnare dal segmento del lusso, con Swatch che è risultata in arretramento del 4,17% (a 335.60 franchi), proprio a causa delle ombre che pesano sull'economia cinese, uno dei principali sbocchi commerciali del gruppo. Richemont da canto suo ha lasciato sul terreno il 3,12% (a 69.85 franchi).

Molto deboli anche gli assicurativi (Zurich Insurance -3,17% a 250.20 franchi; Swiss Re -2,45% a 95.75 franchi), così come i bancari: Credit Suisse è scivolata all'indietro del 2,54% (a 21.14 franchi), Ubs del 2,36% (a 19.06 franchi) e Julius Bär del 2,40% (a 47.49 franchi). Non si sono salvati dall'ondata ribassista i valori ciclici, più sensibili alle variazioni congiunturali: negativa, in particolare, la prestazione del gigante del cemento LafargeHolcim, arretrata del 3,44% (a 48.57 franchi).

Hanno resistito meglio i titoli difensivi, che pur chiudendo chiaramente in rosso, hanno fatto meno peggio dell'andamento generale del mercato: il colosso dell'alimentare Nestlé ha ceduto l'1,34% (a 73.55 franchi), Novartis l'1,44% (a 85.55 franchi) e Roche l'1,16% (a 273.20 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS