Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo quasi un'intera seduta in rialzo i listini della Borsa svizzera hanno cominciato ad oscillare intorno alla parità per chiudere in calo, complice la flessione del prezzo del petrolio e Wall Street negativa. L'SMI segna una contrazione dello 0,07% a 9'023.55 punti.

Da parte sua l'SPI è sceso dello 0,16% a 10'272.33 punti.

Tra le blue chip hanno sostenuto il listino Nestlé (+0,66% a 84.00 franchi), che ha raggiunto oggi un nuovo massimo a 84.30 franchi, e Novartis (+0,76% a 79.80 franchi). Il colosso alimentare ha annunciato di aver acquisito una quota di minoranza nella società americana Freshly, che produce e fornisce pasti pronti freschi. Da parte sua il gruppo farmaceutico ha pubblicato risultati positivi dei test di fase III del preparato RTH258 per patologie agli occhi. In calo per contro Roche (-0,94% a 253.10 franchi) dopo che Exane BNP ha tagliato l'obiettivo di corso da 290 a 250 franchi e ha abbassato la raccomandazione da "outperform" e "neutral".

Swiss Re è avanzata dello 0,95% a 90.35 franchi grazie al miglioramento della raccomandazione da "Hold" a "Buy" da parte di Deutsche Bank, che ha anche ritoccato l'obiettivo di corso a 104 franchi. Bene pure Swiss Life (+0,63% a 334.30 franchi) e Zurich (+0,17% a 292.50 franchi). Pesanti invece i bancari UBS (-1,07% a 15.68 franchi) e Credit Suisse (-1,10 a 13.46 franchi), un po' meno Julius Bär (-0,68% a 51.20 franchi).

In calo pure i ciclici, con LafargeHolcim che segna un -1,41% a 55.75 franchi, ABB un -1,13% a 24.49 franchi, Sika un -0,70% a 6'360.00 franchi, Adecco un -0,67% a 74.60 franchi e Geberit un -0,39% a 462.20 franchi. Negativo anche il lusso (Swatch -0,62% a 370.60 franchi e Richemont -0,56% a 80.40 franchi) così come SGS (-0,62% a 2'387.00 franchi), Givaudan (-0,35% a 1'993.00 franchi), Lonza (-0,24% a 204.20 franchi) e Swisscom (-0,06% a 467.20 franchi).

Pure nel mercato allargato hanno inciso le variazioni nelle raccomandazioni: grazie a ritocchi verso l'alto Gurit è cresciuta del 3,63% a 1'085.00 franchi, mentre DKSH ha ceduto il 3,37% a 78.75 franchi e Allreal il 5,74% a 174.00 franchi dopo l'abbassamento del rispettivo rating.

Idorsia, società nata dallo scorporamento delle attività di ricerca e sviluppo da Actelion ed entrata in Borsa venerdì, è salita del 3,81% a 15.00 franchi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS