Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo una mattinata altalenante e un primo pomeriggio in territorio positivo, l'indice principale della Borsa svizzera, l'SMI, ha perso sempre più terreno, chiudendo in calo dello 0,79% a 8'892.88 punti.

Il listino allargato SPI si è invece mantenuto praticamente tutta la seduta sotto la parità, terminando con una flessione dell'1,09% a 10'478.85 punti.

Il graduale aumento dei tassi d'interesse negli Stati Uniti, il debito italiano e i potenziali effetti delle dispute commerciali sulla congiuntura frenano gli investitori: "aumentano i timori che i tempi d'oro stiano finendo", ha affermato un operatore, secondo cui in questo contesto gli investitori preferiscono titoli resistenti ai movimenti congiunturali e si separano da quelli ciclici.

Tra le blue chip sono così risultate sotto pressione soprattutto Sika (-4,92% a 127.60 franchi), ABB (-2,88% a 21.60 franchi), Geberit (-2,87% a 432.50 franchi), Lonza (-2,59% 309.00 franchi) e LafargeHolcim (-1,37% a 45.40 franchi), ma anche SGS (-3,25% a 2'320.00 franchi), Givaudan (-1,95% a 2'316.00 franchi) e Swiss Re (-1,82% a 90.68 franchi).

Malissimo anche Swatch (-5,41% a 344.20 franchi) e Richemont (-3,98% a 73.34 franchi) in seguito a uno studio di Morgan Stanley che abbassa la valutazione del settore del lusso europeo da "neutral" a "underweight". Ciò sebbene il giudizio per le due aziende elvetiche sia "overweight".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS