ZURIGO - La Borsa svizzera archivia l'ultima giornata di contrattazioni della settimana con un calo: l'SMI chiude in flessione dello 0,80% a 6838.95 punti, l'SPI dello 0,66% a 5974.36 punti. In assenza di notizie di rilievo riguardanti le blue chip, la seduta è stata piuttosto tranquilla.
Sull'indice delle blue chip hanno influito negativamente soprattutto i pesi massimi difensivi Novartis (-1,46% a 57.55 franchi), Roche (-1,85% a 169.90 franchi) e Nestlé (-0,65% a 53.75 franchi). In netta flessione anche Holcim (-1,26% a 78.30 franchi). Tra i bancari, Credit Suisse scende dello 0,83% a 53.55 franchi, mentre UBS guadagna lo 0,67% a 16.58 franchi e Julius Bär lo 0,40% a 37.75 franchi. Positivi i titoli assicurativi, con Swiss Re che sale dell'1,29% a 50.90 franchi e Zurich Financial Services dello 0,45% a 267.80 franchi. Swiss Life termina invariata a 136.70 franchi.
Nell'indice allargato, tra le società che hanno pubblicato oggi i risultati dell'esercizio 2009, COS Computer Systems lascia sul terreno il 5,08% a 6.91 franchi, mentre la ticinese Interroll segna una progressione dello 0,67% a 300 franchi, Warteck Invest dello 0,59% a 1710 franchi e Dufry dello 0,36% a 83.50 franchi.
Da segnalare inoltre che Acino cede il 5,86% a 158.90 franchi a causa della raccomandazione del Comitato per i medicinali per uso umano dell'Agenzia europea per il controllo sui farmaci di ritirare dal mercato certe confezioni del Clopidogrel (un generico dell'anticoagulante Plavix della Sanofi-Aventis), prodotto in India per conto del gruppo farmaceutico basilese. All'origine della decisione vi sono manchevolezze nella fabbricazione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.