Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Giornata fiacca oggi alla Borsa svizzera, con gli indici appesantiti dalle vendite sui titoli bancari. In chiusura, l'indice SMI dei titoli guida ha ceduto lo 0,37% a 8674,52 punti. L'indice completo SPI ha perso lo 0,25% a 8557,99 punti.

Tra i titoli finanziari, Credit Suisse ha ceduto l'1,55% a 26,62 franchi, dopo un nuovo giudizio, meno positivo, di Merril Lynch. Stando alla seconda banca elvetica, nel primo semestre dell'anno l'investment banking dovrebbe registrare risultati meno positivi di quanto stimato.

Oltre a ciò, dopo la multa negli Stati Uniti, Credit Suisse dovrà ricostituire il capitale proprio. La concorrente UBS ha chiuso in flessione dell'1,48% a 17,98 franchi e Julius Bär del 4,41% a 38,76 franchi. Tra gli assicurativi, Zurich è avanzata dello 0,75% a 268,70 franchi, mentre Swiss Re ha perso lo 0,19% a 79,65 franchi.

Tra i titoli difensivi, Roche ha chiuso in flessione dello 0,68% a 263,50 franchi, Novartis dello 0,62% a 80,30 franchi, mentre Nestlé ha segnato una progressione dello 0,43% a 70,25 franchi.

Dopo la richiesta miliardaria di risarcimento in Italia, Novartis rischia grosso anche negli Stati Uniti per una vicenda di corruzione legata a ribassi - considerati ingiustificati dalle autorità locali - concessi a varie catene di farmacie affinché queste ultime consigliassero ai clienti preparati della società basilese coperti dalle assicurazioni Medicare e Medicaid. Oggi una corte di Manhattan ha respinto la richiesta di Novartis - che si proclama innocente, come anche nel caso italiano - di abbandonare il caso.

Tra i pochi titoli in crescita si segnalano Transocean (1,34% a 37,77 franchi) e Actelion (+0,85% a 89 franchi).

SDA-ATS