Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Seduta interamente negativa per la Borsa svizzera sulla scia delle incertezze sui tempi dell'aumento dei tassi d'interesse negli USA e sull'andamento congiunturale in Asia. L'SMI ha terminato in flessione dell'1,59% a 9'104.71 punti, l'SPI dell'1,57% a punti 9'244.65.

Fin dall'inizio hanno pesato sugli scambi i protocolli della seduta della Federal Reserve resi noti ieri sera, in cui la banca centrale americana ha espresso riserve sull'evoluzione dell'inflazione e preoccupazione riguardo al vigore del dollaro. Molte anche le incertezze riguardo agli ultimi sviluppi in Cina, dove le Borse hanno nuovamente chiuso in netto calo.

Dopo l'avvio in calo di Wall Street, ad affossare definitivamente i listini a un'ora dalla chiusura è stata la pubblicazione del superindice economico americano, calato in luglio dello 0,2% rispetto a giugno. Il dato è peggiore delle attese degli analisti, che scommettevano su un aumento dello 0,2%. In giugno e in maggio l'indice, che dà un'idea dell'evoluzione congiunturale negli Stati Uniti, era aumentato dello 0,6%.

Tutte le blue chip hanno chiuso in flessione. Tra i bancari UBS ha lasciato sul terreno il 2,21% a 20,83 franchi, Credit Suisse l'1,32% a 26.90 franchi e Julius Bär lo 3,06% a 50,70 franchi. Gli assicurativi Swiss Re e Zurich sono scesi rispettivamente dell'1,57% a franchi 84,70 e dell'1,24% a 279,30 franchi.

In netta contrazione Swisscom (-2,45% a 538,00 franchi) e Richemont (-2,37% a 74,15 franchi). Pesanti anche i ciclici, con LafargeHolcim in calo del 2,32% a 63,20 franchi, ABB dell'1,78% a 18,76 franchi, Geberit dell'1,32% a 313,00 franchi e Adecco - che ha a lungo resistito alla tendenza generale - dell'1,15% a 77,20 franchi. Male pure i pesi massimi difensivi Nestlé (-1,28% a 73,45 franchi), Novartis (-1,91% a 97,55 franchi) e Roche (-1,21% a 270,00 franchi).

Nell'indice allargato, molte le aziende che hanno pubblicato oggi i risultati semestrali: Kudelski ha ceduto il 9,24%, Sunrise il 7,34%, Orascom il 4,31%, Implenia l'1,7%.

Tamedia ha invece registrato un +1,03% e Straumann +1,5%.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS