Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera ha chiuso le contrattazioni odierne in forte calo con l'indice SMI dei titoli guida in flessione del 2,01% a 8'278,07 punti, mentre l'indice complessivo SPI ha ceduto il 2,03% a quota 8'467,46.

Tutte le borse europee hanno trascorso la giornata all'insegna delle vendite per i timori di un rallentamento dell'economia mondiale e in attesa di chiarimenti sulle intenzioni della Fed riguardo ai tassi. Nelle prossime ore è in programma un discorso della presidente Janet Yellen, a mercati chiusi, dedicato al tema dell'inflazione. L'atmosfera è poi sempre avvelenata dallo scandalo delle auto truccate di Volkswagen.

Nessun effetto benefico ha avuto la notizia relativa alla fiducia delle imprese tedesche, che ha messo a segno un guadagno a sorpresa a settembre, registrando il terzo aumento mensile consecutivo. E non hanno contribuito a risollevare il morale degli investitori nemmeno i dati americani relativi a sussidi di disoccupazione, ordini durevoli e vendite di case, risultati migliori delle attese. Wall Street ha aperto in calo e l'andamento del mercato è peggiorato nelle ore seguenti.

Tutte le blue chip hanno contribuito a trascinare verso il basso i listini della piazza zurighese, anche i pesi massimi difensivi considerati più resistenti alla crisi: Novartis ha perso il 2,16% (a 88.40 franchi), Roche l'1,41% (a 245.00 franchi) e il colosso dell'alimentare Nestlé l'1,81% (a 70.40 franchi).

Fortemente penalizzati i valori finanziari, con UBS in flessione del 2,67% (a 17.47 franchi), Credit Suisse dell'1,92 (a 23.47 franchi) e Julius Bär del 2,42% (a 41.98 franchi).

Al movimento al ribasso non sono sfuggiti gli assicurativi (Zurich Insurance -2,35% a 236.40 franchi; Swis Re -1,51% a 81.35 franchi), né tanto meno il segmento del lusso (Swatch -3,21% a 350.30 franchi; Richemont -2,16% a 72.50 franchi).

Le perdite più pesanti sono state fatte segnare dalla volatile Transocean (-4,11% a 13.07 franchi) e da LafargeHolcim (-3,73% a 50.30 franchi), che sta scontando il rallentamento congiunturale dei paesi emergenti in cui è presente. Dall'inizio dell'anno il titolo ha perso oltre il 20%.

Sul mercato allargato Schindler ha fatto un tonfo del 6,77% (a 137.70 franchi): oggi è stato reso noto che due dirigenti cinesi del gruppo lucernese sono stati fermati in patria per essere interrogati a causa di presunte irregolarità finanziarie ai danni dell'azienda.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS