Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Partita al ribasso, nel pomeriggio la Borsa svizzera è passata sopra la parità dopo la pubblicazione dei dati americani sull'occupazione, per poi ridiscendere sotto al linea all'approssimarsi della chiusura.

L'indice SMI dei titoli guida ha quindi ceduto lo 0,22% a 8970,27 punti e l'indice completo SPI lo 0,14% a 9188,52 punti.

Ad ottobre, negli Stati Uniti i posti di lavoro sono saliti di 271 mila unità. Si tratta di un dato superiore alle attese degli analisti. La disoccupazione è scesa al 5%, il dato più basso dall'aprile 2008. A settembre i posti creati erano stati 142 mila e la disoccupazione si era attestata al 5,1%.

Stando agli operatori citati dalla reuters, il rafforzamento della dinamica economica negli Stati Uniti ha spinto gli investitori a tornare sul mercato. L'ormai quasi inevitabile aumento dei tassi negli Usa, e il rafforzamento del dollaro, hanno giovato ai titoli finanziari.

Ubs ha infatti guadagnato il 3,22% a 19,87 franchi, Credit Suisse l'1,79% a 24,47 franchi e Julius Baer lo 0,48% a 48,40 franchi. Tra gli assicurativi, Zurich ha ceduto lo 0,19% a 263,10 franchi, mentre Swiss Re ha messo a segno un +0,11% a 94,15 franchi.

In calo Richemont (-5,66% a 81,70 franchi), che oggi ha presentato i semestrali. Benché il gruppo ginevrino attivo nel settore del lusso abbia realizzato nel periodo aprile-settembre un utile di 1,1 miliardi di euro - in aumento del 22% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso - gli analisti avevano stimato risultati migliori. Il titolo è stato oggetto di prese di guadagno.

L'altro titolo del lusso Swatch ha perso a sua volta terreno (-4,25% a 281,10 franchi). La domanda in Asia, specie in Cina, di orologi di lusso si è indebolita.

Hanno pesato sui listini le vendite dei difensivi Roche (-0,95% a 270 franchi) e Nestlé (-0,98% a 75,45 franchi), mentre Novartis è cresciuta dello 0,11% (a 89,90 franchi).

Syngenta è avanzata del 4,11% a 351,80 franchi. Come indicato dal Wall Street Journal, che si rifà a fonti anonime, il gruppo agrochimico americano DuPont avrebbe avviato discussioni col concorrente svizzero riguardo a una possibile fusione nel settore agrario. Positiva in generale la performance dei titoli ciclici.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS