Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera apre il mese di settembre con una seduta molto negativa, dominata dallo spettro di un raffreddamento della congiuntura cinese. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 8621,27 punti, in flessione del 2,30% rispetto a ieri.

Il listino globale SPI ha perso il 2,21% a 8786,39 punti. A pesare sull'umore degli investitori sono alcuni deludenti indicatori congiunturali cinesi - concernenti industria e servizi - che hanno scatenato una nuova ondata di vendite sulle piazze asiatiche. Le conseguenze si sono fatte sentire anche in Europa - nonostante alcuni buoni dati macro, a partire dalla disoccupazione in Germania - e in seguito anche a Wall Street.

Il quadro è reso ancora più complicato dall'incertezza relativa ai tempi di rialzo dei tassi negli Usa. La Federal Reserve deciderà il 16 settembre e per farlo guarderà fra l'altro con attenzione al rapporto mensile sul mercato del lavoro che sarà pubblicato venerdì. Molti preferiscono quindi ridurre le posizioni più esposte per non andare incontro a sorprese.

Per quanto riguarda i singoli titoli hanno affossato il listino i pesi massimi Nestlé (-1,68% a 70,10 franchi), Novartis (-3,17% a 91,70 franchi) e Roche (-2,50% a 257,40 franchi). Non è che gli investitori vendano direttamente titoli di queste tre società, escono più in generale dall'intero mercato, spiegano gli operatori. I tre giganti rappresentano quasi un terzo della capitalizzazione SMI.

Gli ordini di vendita hanno interessato anche i bancari UBS (-2,00% a 19,63 franchi), Credit Suisse (-3,16% a 25,13 franchi) e Julius Bär (-2,91% a 45,70 franchi), come pure gli assicurativi Swiss Re (-1,99% a 81,40 franchi) - sostenuta almeno in parte da una raccomandazione di Merrill Lynch - e Zurich (-2,15% a 260,00 franchi).

Fra i titoli più esposti ai cicli congiunturali Adecco (-2,57% a 74,00 franchi) e LafargeHolcim (-2,85% a 59,75 franchi) hanno sofferto più di ABB (-1,45% a 18,40 franchi) e di Geberit (-1,82% a 301,70 franchi). Non è sfuggito alla tendenza generale il segmento del lusso, con Swatch (-1,54% a 364,60 franchi) un poco più tonica di Richemont (-2,28% a 70,70 franchi).

Solo Transocean (+0,61% a 13,30 franchi) si è mostrata in controtendenza. Ha limitato le perdite Syngenta (-0,90% a 332,00 franchi), che si è vista approvare negli Usa un promettente fungicida. Completano lo scacchiere delle blue chip Actelion (-2,35% a 128,90 franchi), Givaudan (-1,92% a 1633,00 franchi), SGS -1,41% a 1682,00 franchi) e Swisscom (-2,39% a 510,00 franchi).

Nel mercato allargato gli occhi erano puntati su Helvetia (-1,47% a 501,50 franchi), che ha presentato i semestrali. Kuoni (-5,48% a 191,30 franchi) ha subito gli effetti di un cambiamento di raccomandazione da parte di Credit Suisse.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS