Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Dopo una mattinata debole, la borsa svizzera ha virato decisamente in negativo nel pomeriggio in concomitanza con la pubblicazione dell'indice manifatturiero di New York, che in settembre ha fatto registrare un calo inatteso. In chiusura, l'indice delle blue chip SMI ha perso lo 0,50% a 6434,01 punti. Sul mercato allargato, l'SPI è risultato in calo dello 0,44% a 5675,59 punti.
Le vendite su Roche (-1,76% a 139,5 franchi) e Nestlé (-1,03% a 53,1 franchi) hanno spinto vero il basso gli indici. Circa Roche, alla Reuters il CEO Severin Schwan ha dichiarato che il programma annunciato di tagli non risparmierà ricerca e sviluppo. La crescita nei prossimi due anni potrebbe risultare debole, ha lasciato intendere il manager.
Per quanto attiene a Nestlé, il titolo del gigante alimentare è stato oggetto di prese di beneficio da parte di investitori esteri. L'azione ha goduto finora di un'evoluzione positiva, a fronte di un mercato che si è mosso piuttosto al ribasso. La concorrente di Roche, Novartis, ha invece guadagnato lo 0,45% a 56 franchi.
Tra i bancari, UBS è avanzata dello 0,22% a 18,34 franchi, Julius Baer dello 0,12% a 40,16 franchi, mentre il Credit Suisse ha perso l'1,26% a 46,31 franchi. Il CS ha reso noto l'acquisto di una partecipazione minoritaria nell'hedge fond americano York Capital Management. In un primo tempo la banca, tramite l'unità Credit Suisse Asset Management, sborserà 425 milioni di dollari (stesso importo in franchi al corso attuale).
Tra gli assicurativi, ZFS è avanzata dello 0,29% a 240,3 franchi, mentre Swiss Re è rimasta stabile (-0,02% a 44,93 franchi).
Tra i titoli ciclici, ABB ha messo a segno un guadagno marginale (+0,05% a 20,58 franchi), Holcim è avanzata dello 0,47% a 64,1 franchi. In calo invece Adecco (-1,05% a 49 franchi).
SGS ha lasciato sul terreno l'1,13% a 1580 franchi.
Sul listino allargato, Kaba ha assorbito le perdite del mattino per chiudere a 313 franchi (+1,38%). L'azienda ha visto il suo utile netto crescere di quasi un quarto (+22,9%) al termine dell'esercizio 2009/2010 (chiuso a fine giugno) a 86,9 milioni di franchi. Il fatturato del gruppo zurighese, specializzato nella tecnologia legata alla sicurezza, è invece calato del 3,1% a 1,13 miliardi di franchi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS