Navigation

Borsa svizzera chiude in positivo, SMI +0,99%

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 gennaio 2020 - 17:44
(Keystone-ATS)

La Borsa svizzera, dopo un avvio negativo, ha preso quota fino a chiudere in deciso rialzo. L'indice SMI dei principali titoli ha segnato una progressione dello 0,99% a 10'781,98 punti, mentre l'indice complessivo SPI è salito dello 0,88% a quota 13'055,30 punti.

I mercati, dopo le forte perdite della vigilia, hanno appianato i timori per gli effetti sull'economia globale per il propagarsi del coronavirus. In Europa poi si guarda all'appuntamento della Brexit fissata per il 31 gennaio.

Sul fronte interno, la pubblicazione del commercio estero elvetico nel 2019 e i buoni risultati pubblicati oggi da SGS (+4,48% a 2'843,00 franchi) hanno trascinato il listino verso l'alto.

Tutti in positivo i pesi massimi difensivi Nestlé (+0,54% a 108,50 franchi), Roche (+0,94% a 321,75 franchi) e soprattutto Novartis (+2,07% a 92,59 franchi), che domani pubblicherà i suoi risultati annuali. Tra i bancari, Credit Suisse (-0,20% a 12,695 franchi) è maglia nera di giornata, mentre UBS (+0,50% a 12,145 franchi) è riemersa sul finale ben al di sopra della linea di demarcazione.

Bene orientato il segmento del lusso con Swatch (+0,39% a 254,40 franchi) e Richemont (+0,79% a 74,24 franchi). Oggi sono stati pubblicati i dati relativi alle esportazioni orologiere nel 2019, in aumento del 2,4% a 21,7 miliardi di franchi.

Particolarmente tonici invece gli assicurativi, con Swiss Life (+1,13% a 494,30 franchi) e Zurich (+1,07% a 407,30 franchi) che però non hanno tenuto il passo di Swiss Re (+1,61% a 110,50 franchi).

In ordine sparso, ma tutti positivi i valori più sensibili ai cicli economici quali ABB (+0,27% a 22,68 franchi), Adecco (+0,10% a 58,84 franchi), Geberit (-0,08% a 518,00 franchi) e LafargeHolcim (+0,20% a 50,28 franchi).

24924656

Sul mercato allargato, AMS (+1,00% a 40,57 franchi) ha deciso di vendere tutte le azioni proprie che possiede. Stadler Rail (+0,36% a 47,56 franchi) ha invece sottoscritto un contratto per la costruzione di 42 convogli della metropolitana di Newcastle, in Gran Bretagna.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.