Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera chiude con una seduta in lieve rialzo una settimana movimentata: l'indice dei valori guida SMI ha terminato a 9346,56 punti, in progressione dello 0,23% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI ha guadagnato lo 0,24% a 9485,21 punti.

Dopo i pesanti arretramenti di metà settimana e archiviata la giornata di giovedì con forti guadagni il mercato si è fatto oggi circospetto: con l'avvicinarsi del weekend gli investitori hanno avuto chiaramente tendenza a rifuggire i rischi. Lo shock provocato dall'inattesa svalutazione dello yuan non è infatti ancora stato completamente superato, sebbene la situazione sembra essersi stabilizzata.

Nel frattempo la crisi greca è tornata in primo piano, con la riunione dell'Eurogruppo chiamata ad approvare il terzo programma di aiuti. Ma la giornata odierna è stata soprattutto caratterizzata dalla pubblicazione di vari dati macroeconomici in Europa e negli Usa, che non hanno peraltro inciso in modo eccessivo sui corsi.

Sul fronte interno scarseggiavano le notizie di rilievo riguardanti le blue chip. Adecco (+1,08% a 79,30 franchi) ha approfittato delle raccomandazioni degli analisti delle banche e ha sovrastato quindi altri valori particolarmente sensibili alla congiuntura come ABB (-0,66% a 19,50 franchi), Geberit (+0,47% a 322,30 franchi) e LafargeHolcim (-1,28% a 65,65 franchi). In rosso hanno finito anche Swatch (-0,33% a 396,20 franchi) e Richemont (-0,58% a 77,45 franchi).

Sono arretrati rispetto ai massimi di seduta i bancari UBS (-0,19% a 21,51 franchi), Credit Suisse (-0,26% a 27,27 franchi) e Julius Bär (-0,10% a 52,50 franchi). Nel comparto assicurativo Zurich (-0,31% a 287,40 franchi) è apparsa più in difficoltà di Swiss Re (+0,17% a 87,00 franchi).

Nestlé (+1,08% a 74,95 franchi) ha proseguito l'ascesa avviata ieri dopo la pubblicazione dei semestrali e si è dimostrata più tonica degli altri due pesi massimi difensivi, Novartis (+0,40% a 100,10 franchi) e Roche (+0,04% a 276,00 franchi).

Per completare il quadro occorre menzionare anche Actelion (-0,44% a 137,30 franchi), Givaudan (-0,68% a 1746,00 franchi), SGS (+0,34% a 1796,00 franchi), Swisscom (-0,18% a 559,00 franchi), Syngenta (+0,64% a 395,00 franchi) e Transocean (-2,65% a 13,57 franchi).

Nel mercato allargato hanno pubblicato il loro bilancio intermedio Swiss Life (+1,63% a 237,50 franchi), Schindler (+0,98% a 155,30 franchi), Phoenix Mecano (-0,41% a 484,50 franchi), Dätwyler (+0,58% a 120,80 franchi) e Basilea (+1,54% a 105,60 franchi).

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS