Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo due sedute negative la borsa svizzera ha beneficiato oggi di un mini-rimbalzo, sostenuta dai suoi titoli difensivi. L'indice dei valori guida SMI ha chiuso a 8797,17 punti (+0,38% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI ha guadagnato lo 0,32% a 8675,57 punti.

Secondo gli operatori è in atto una fase di consolidamento. Gli investitori appaiono restii ad impegnarsi e osservano con apprensione sia gli ultimi sviluppi relativi al Medio Oriente, sia le novità in ambito congiunturale.

L'indice Ifo che misura la fiducia delle imprese tedesche è sceso in agosto per il quinto mese consecutivo, un dato che era peraltro atteso e non ha suscitato eccessive reazioni. In Svizzera l'indicatore UBS sui consumi ha confermato i segnali di un rallentamento della crescita.

Sul fronte interno a lungo sotto pressione è risultata Adecco (-0,75% a 65,90 franchi), che nella giornata degli investitori ha confermato gli obiettivi di medio termine, aggiungendo però che la ripresa stagionale in settembre è risultata più debole del previsto. In ordine sparso si sono mossi altri titoli particolarmente dipendenti dalla congiuntura, come ABB (-0,37% a 21,52 franchi), Geberit (+0,35% a 313,30 franchi) e Holcim (-0,07% a 69,10 franchi).

Nel segmento del lusso hanno accelerato nel finale sia Swatch (+0,77% a 469,50 franchi), sia Richemont (+0,62% a 81,75 franchi). Il comparto ha guardato con attenzione a uno studio della società di servizi finanziari Kepler Chevreux, che predice la fine della forte crescita dei margini vissuta negli ultimi decenni dall'industria orologiera.

Tra i bancari hanno guadagnato terreno UBS (+1,72% a 16,60 franchi) e Credit Suisse (+1,16% a 26,10 franchi), mentre vendite hanno interessato Julius Bär (-0,33% a 41,95 franchi): secondo voci raccolte nell'ambiente l'istituto potrebbe essere fra i prossimi a chiudere la vertenza fiscale con gli Usa.

Il clima di insicurezza ha favorito i pesi massimi difensivi Nestlé (+0,36% a 70,00 franchi), Novartis (+0,17% a 87,90 franchi) e Roche (+0,57% a 283,80 franchi), che hanno svolto un'importante funzione di traino al listino. Stando agli operatori i colossi farmaceutici elvetici beneficiano anche indirettamente delle nuove misure anti-ottimizzazione fiscale decise dal governo americano, che vanno a colpire i concorrenti.

Completano il quadro delle blue chip Actelion (+0,46% a 109,70 franchi), Givaudan (-0,20% a 1522,00 franchi), SGS (+0,61% a 1982,00 franchi), Swisscom (+0,37% a 540,00 franchi) e la spesso volatile Transocean (-2,23% a 30,70 franchi).

Nel mercato allargato in evidenza Aryzta (+3,84% a 83,80 franchi), dopo la pubblicazione dei risultati della sua controllata irlandese Origin.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS