Navigation

Borsa svizzera chiude in rialzo: SMI a +0,56%

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 marzo 2012 - 17:51
(Keystone-ATS)

Dopo un'apertura contrastata la Borsa svizzera ha proseguito la giornata sopra la linea di demarcazione migliorando vieppiù e chiudendo con l'indice SMI a +0,56%, a 6'188,51 punti e l'indice allargato SPI a +0,61%, a 5'681,28 punti.

I dati congiunturali Usa e l'apertura positiva della Borsa di Wall Street hanno ridato un certo dinamismo ad un mercato globalmente rivolto al rialzo, seppur non euforico. A ciò si è aggiunto il successo della ristrutturazione del debito della Grecia, che ha contribuito ad alleggerire l'incertezza generale. Atene evita il default e annuncia adesioni di oltre l'85% dei creditori privati allo swap sul debito. L'attenzione degli investitori si rivolge verso i cosiddetti "fondamentali economici".

All'interno del listino SMI, in crescita Novartis (+1,79%, a 50,00 franchi l'azione), che ha approfittato dei commenti positivi di UBS e di Nomura. UBS considera questo titolo "top pick" e ha alzato la raccomandazione da "neutrale" ad "acquista". Nomura ritiene che Novartis sia una delle "migliori idee" in Europa. Ricercati pure i titoli Roche (+0,57%, a 158,40 Fr.), ABB (+0,76%, a 18,56) e Adecco (+2,26% a 47,94). Giornata in calo invece per UBS (-0,88% a 12,44 Fr.), CS Group (-0,37% a 24.41) e Julius Bär (-0,63% a 36,03).

Per quanto concerne il listino allargato SPI, consistente crescita per Straumann (+8,69%), Nobel Biocare (+8,06%), e Sonova (+3,35%), grazie a uno studio di Goldman Sachs secondo cui la domanda di medicinali dovrebbe nuovamente aumentare nei paesi industrializzati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?