Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera ha chiuso la prima seduta della settimana con l'indice SMI dei principali titoli in flessione dello 0,42% a quota 7'843.63, mentre l'indice complessivo SPI è arretrato dello 0,33% a 8'249.38 punti.

Stando agli analisti gli investitori hanno fatto scattare gli ordini di vendita delusi dal G20 finanziario di Shanghai, che non ha prodotto i risultati sperati. Il calo dei listini in Svizzera e in Europa ha fatto seguito alla flessione delle Borse asiatiche segnate dal pesante tonfo delle Piazze cinesi. Qualche spunto è venuto proprio dalla Cina, con la banca centrale che ha attuato alcune mosse finalizzate all'allentamento monetario e al flusso di liquidità sui mercati.

L'attenzione si sposta ora sulla Banca centrale europea che giovedì, secondo le previsioni, annuncerà nuove misure di stimolo in uno scenario inflazionistico riveduto in peggio. Oggi è stato annunciato che l'inflazione nell'Eurozona è tornata in febbraio in territorio negativo, scendendo a -0,2% rispetto allo 0,3% di gennaio.

Sulla piazza zurighese i listini sono stati zavorrati dai pesi massimi difensivi: il colosso dell'alimentare Nestlé ha ceduto lo 0,50% (a 70.10 franchi), mentre tra i farmaceutici Novartis è scivolata all'indietro dello 0,56% (a 71.65 franchi) e Roche dell'1,19% (a 257.00 franchi).

I bancari hanno avuto un andamento contrastante: Ubs è stata la sola a mantenersi a galla (+0,20% a 15.34 franchi), operazione non riuscita a Credit Suisse (-1,54% a 13.44 franchi) e a Julius Bär (-0,89% a 40.06 franchi). Nel segmento del lusso Swatch (+0,87% a 347.50 franchi) se l'è cavata meglio di Richemont (+0,47% a 63.80 franchi).

Sopra la soglia della parità sono risultati buona parte dei titoli ciclici più esposti alle variazioni congiunturali: ABB ha guadagnato lo 0,62% (a 17.90 franchi), Geberit lo 0,95% (a 361.30 franchi) e LafargeHolcim lo 0,58% (a 39.57 franchi). Di segno più anche Syngenta (+0,58% a 401.70 franchi): il gruppo agrochimico basilese è oggetto di un'offerta di acquisto da parte della cinese ChemChina.

Sul mercato allargato Panalpina, che ha annunciato risultati aziendali inferiori alle attese, ha perso il 7,28 (a 90.40 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS