Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La seduta odierna della Borsa svizzera è stata caratterizzata dall'incertezza, con gli investitori in attesa dei verbali del Comitato Federale della Federal Reserve di fine luglio, che saranno pubblicati stasera. I volumi degli scambi sono quindi stati modesti. L'indice SMI ha terminato le contrattazioni con un leggerissimo rialzo dello 0,03% a 8'527.91, l'SPI invariato a 8'444.39 punti.

Tra le blue chip di nuovo in luce Actelion, salita dell'1,38% a 110 franchi. Anche gli altri due titoli farmaceutici Novartis e Roche sono saliti, di rispettivamente lo 0,68% a 80.85 franchi e dello 0,04% a 265.50 franchi. Invariato a 69.95 franchi il terzo peso massimo difensivo, Nestlé.

Swisscom, che ha presentato oggi i risultati semestrali, ha chiuso con una progressione dello 0,19% a 525.50 franchi.

Negativi i bancari - UBS -0,31% a 16.07, Credit Suisse pure -0,31% a 25.46 franchi e Julius Bär -1,07% a 39.83 franchi - e gli assicurativi - Swiss Re -0,54% a 73.75 franchi e Zurich -0,15% a 272.30 franchi - così come il lusso (Richemont -0,85% a 87.35 franchi e Swatch -0,04% a 496.80 franchi).

Pesante Transocean (-2,59% a 35.01 franchi), da oggi però scambiata senza dividendo.

Nel mercato allargato, tra le aziende che hanno pubblicato oggi l'andamento degli affari nella prima metà dell'anno, sotto forte pressione Ascom (-5,40% a 13.15 franchi) e Goldbach (-2,78% a 21 franchi), mentre ha terminato in netto rialzo Hügli (+4,86% a 680 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS