Navigation

Borsa svizzera chiude piatta, SMI +0,03%

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 ottobre 2019 - 17:54
(Keystone-ATS)

Seduta piatta per la borsa svizzera, che ha chiuso con l'indice SMI dei principali titoli in leggerissimo rialzo dello 0,03% a 9'760,44 punti, mentre l'indice complessivo SPI è salito dello 0,12% a quota 11'882,52.

Sui listini hanno pesato le preoccupazioni congiunturali e gli ultimi e poco incoraggianti dati provenienti dalla Germania e soprattutto dagli Stati Uniti, dove l'indice Ism dei servizi è calato in settembre ai minimi degli ultimi tre anni. La decisione dell'Organizzazione mondiale del commercio, che consente agli USA di imporre dazi punitivi sui prodotti dell'UE, non ha contribuito a migliorare la situazione.

Sulla piazza zurighese particolarmente dinamica è apparsa Sika che oggi, in occasione della giornata degli investitori, ha innalzato i suoi obiettivi in termini di margine e confermato le previsioni di crescita. Il titolo in borsa, pur perdendo vigore nel corso della seduta, ha chiuso in rialzo dell'1,94% (a 147.25 franchi).

In progressione anche i valori difensivi: il colosso dell'alimentare Nestlé ha allungato il passo dello 0,82% (a 106.12 franchi), mentre tra i farmaceutici Novartis ha messo a segno un rialzo dello 0,55% (a 84.61 franchi) e Roche più modestamente dello 0,21% (a 282.15 franchi).

Deboli i bancari: UBS è scivolata all'indietro dell'1,57% (a 10.625 franchi) e Credit Suisse dell'1,89% (a 11.41 franchi). In parabola discendente pure Julius Baer (-1,33% a 41.44 franchi): stamane l'istituto ha annunciato una riorganizzazione interna, con il ridimensionamento della direzione generale, che da gennaio passerà da 15 a 9 membri.

Tra i ciclici le performance peggiori sono state fatte segnare da ABB (-1,86% a 18.18 franchi) e da LafargeHolcim (-1,36% a 45.82 franchi), ma sotto la soglia della parità si è posizionato pure il segmento del lusso: Swatch ha lasciato sul campo lo 0,59% (a 253.00 franchi) e Richemont lo 0,80% (a 69.04 franchi). In controtendenza rispetto all'andamento fiacco del mercato Lonza (+1,84% a 327.10 franchi).

Sul mercato allargato Clariant ha fatto un balzo del 2,04% (a 19.50 franchi) dopo speculazioni circa una imminente cessione della sua divisione "Masterbatches".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.