Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera ha chiuso l'ultima seduta del mese con l'indice SMI dei principali titoli in lieve progresso dello 0,10% a 9'016,64 punti, sostenuto da Nestlé e Novartis, mentre l'indice complessivo SPI è rimasto praticamente fermo: +0,01% a quota 10'248,87.

Sul fronte interno sono stati annunciati oggi risultati macroeconomici positivi: l'indice delle aspettative economiche calcolato da Credit Suisse e da CFA Society Switzerland ha segnato a maggio un balzo in avanti rispetto ad aprile e anche l'indicatore UBS dei consumi ha dato segnali incoraggianti per il commercio al dettaglio.

Sul piano internazionale l'attività manifatturiera cinese ha conosciuto in maggio una nuova accelerazione, a ritmi più sostenuti del previsto, mentre la produzione industriale giapponese è salita in aprile del 4% su base mensile. Da segnalare infine che nell'Eurozona la disoccupazione è calata in aprile al 9,3%, il miglior risultato da marzo 2009. L'andamento del mercato, in accelerazione per buona parte della giornata, è stato frenato in finale di seduta dal calo del prezzo del petrolio.

Mentre si è in attesa della pubblicazione in serata del Beige Book della Fed americana, gli investitori presenti sulla piazza di Zurigo hanno decisamente snobbato i principali titoli bancari, peraltro già in affanno ieri: UBS ha ceduto l'1,72% (a 15.40 franchi), Credit Suisse l'1,19% (a 13.30 franchi) e Julius Bär lo 0,79% (a 50.15 franchi). Secondo gli analisti il settore è inquieto per i timori che interessano la stabilità del sistema bancario italiano.

Hanno invece sostenuto il colosso dell'alimentare Nestlé (+0,36% a 82.65 franchi) e il gigante farmaceutico Novartis (+0,89% a 79.30 franchi). Proprio oggi il CEO di Novartis Joseph Jimenez ha detto che la multinazionale, dopo la modesta performance dell'anno scorso, si aspetta per il 2018 una nuova fase di crescita grazie a una dozzina di prodotti in fase finale di sviluppo e ad una quarantina di richieste di omologazione in Europa e negli Stati Uniti. Roche ha invece perso lo 0,34% (a 265.80 franchi).

I valori ciclici più sensibili alle variazioni congiunturali hanno avuto un andamento contrastante: ABB ha allungato leggermente dello 0,08% (a 24.33 franchi) e Geberit dello 0,85% (a 453.40), mentre Adecco è risultata poco mossa (-0,07 a 72.20 franchi). Giù LafargeHolcim, che domani lancia un programma di riacquisto di azioni proprie per un importo massimo di un miliardo di franchi: -0,60% a 58.15 franchi.

In ripresa, sul mercato allargato, Meyer Burger (+4,85% a 1,08 franchi), che ha annunciato due commesse in Asia per un ammontare complessivo di 80 milioni di franchi. Sempre in difficoltà, dopo il tracollo di ieri (-7,96%), il panificio industriale Aryzta, i cui risultati aziendali hanno deluso gli investitori. In borsa il titolo ha ceduto il 2,11% (a 30.58 franchi).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS