Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Giornata altalenante per la Borsa svizzera, che tra alti e bassi ha chiuso le contrattazioni con l'indice SMI dei titoli guida in progresso dello 0,28% a 8'957,27 punti, mentre l'indice complessivo SPI è avanzato dello 0,27% quota 9'150,81.

La Fed ieri ha sorpreso gli investitori lasciando aperta la porta a un aumento dei tassi di interesse entro la fine dell'anno, mentre oggi è stato diffuso il dato del pil americano, cresciuto nel terzo trimestre ad un tasso annualizzato dell'1,5%, in linea con le attese degli analisti.

Sulla decelerazione del pil USA ha pesato il rallentamento dell'economia globale, ha commentato la Casa Bianca, ma a frenare le borse hanno contribuito i conti e il piano industriale di Deutsche Bank, che si appresta a tagliare migliaia di posti di lavoro.

Sulla piazza zurighese al centro dell'attenzione vi è stata Swiss Re, che ha annunciato sui primi nove mesi dell'anno un utile netto in progressione del 12% a 3,66 miliardi di dollari, grazie in particolare all'assenza di grandi catastrofi naturali e allo scioglimento di accantonamenti. Il titolo ha chiuso in progresso dello 0,44% (a 91.80 franchi). Di segno più anche Zurich Insurance (+0,19% a 261.10 franchi).

I valori difensivi, che a lungo hanno avuto un andamento contrastato, hanno tutti terminato sopra la soglia della parità: il colosso dell'alimentare Nestlé ha messo a segno una, seppur modesta, avanzata dello 0,33% (a 76.00 franchi) e su una linea ascendente si sono mossi pure i farmaceutici Roche (+0,15% a 268.30 franchi) e Novartis (+0,73 % a 90.30 franchi). Meglio ha fatto la società biotecnologica Actelion (+0,81% a 136.90 franchi).

Sulla scia dell'annuncio di Deutsche Bank, i titoli finanziari si sono mostrati anemici - Julius Bär -0,16% (a 48.95 franchi), Credit Suisse -0,36% (a 24.82 franchi) e UBS -0,85% (a 19.82 franchi) - mentre tra i titoli più esposti alle variazioni congiunturali si è messa in evidenza Adecco (+1,99% a 74.45 franchi). SGS, che ha indicato oggi di prevedere per il 2016 una crescita organica di circa il 3%, è salita dell'1,83% (a 1'891.00 franchi).

Numerose le aziende quotate sul mercato allargato che hanno presentato i risultati trimestrali: tra queste Clariant (+1,84%) , Sika (+1,41%), Straumann (-0,28%) e Molecular Partners (+1,17%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS