Navigation

Borsa svizzera chiude positiva, SMI +0,44%

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 dicembre 2019 - 17:59
(Keystone-ATS)

Dopo ore in chiaroscuro l'annuncio del presidente americano Donald Trump che un "grande accordo" con la Cina "è vicino" ha spinto verso l'alto i listini della Borsa svizzera. L'SMI ha chiuso con un +0,44% a 10'451.36 punti, l'SPI con un +0,37% a 12'629.27 punti.

In precedenza le decisioni della Federal Reserve (ieri sera), della Banca nazionale svizzera (stamattina) e della banca centrale europea (nel primo pomeriggio) di lasciare invariati i rispettivi tassi non avevano influito sui listini.

In forte rialzo tra le blue chip Credit Suisse (+2,85% a 13.165 franchi) e UBS (+1,96% a 11.99 franchi), così come ABB (+2,52% a 23.22 franchi), che ha ottenuto un contratto da 100 milioni di dollari in Italia. Bene tra gli altri ciclici Sika (+1,17% a 176.85 franchi), mentre hanno chiuso con progressioni più moderate LafargeHolcim (+0,58% a 52.20 franchi), Adecco (+0,29% a 61.28 franchi) e Geberit (+0,15% a 545.20 franchi).

Gli unici titoli a non chiudere col segno più sono stati i pesi massimi difensivi: Nestlé è invariata rispetto a ieri a 103.08 franchi, Novartis ha perso lo 0,05% a 91.27 franchi e Roche lo 0,28% a 302.35 franchi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.