Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il cielo sopra la borsa svizzera si mantiene sgombro da nubi: alle 15.15 l'indice dei valori guida SMI segnava 8857,48 punti, in progressione dell'1,07% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI guadagnava l'1,00% a 8982,20 punti.

Dopo tre sedute consecutive in calo il mercato è in ripresa, favorito anche da segnali di compromesso che giungono dal fronte greco. I mercati hanno accolto con favore il fatto che Atene chieda ufficialmente al fondo salvastati Esm dei prestiti triennali. Non vi sono comunque ancora decisioni concrete e la situazione è fluida.

Stanno intanto facendo parecchio discutere gli ultimi sviluppi delle piazze cinesi: il panico ha ormai contagiato anche Hong Kong, che ha chiuso in flessione del 5,8%, vivendo punte di ribasso dell'8% durante la giornata. Si teme un effetto contagio in Europa e negli Usa.

Proprio dagli Stati Uniti - ma ormai in serata - potrebbero arrivare impulsi interessanti per orientare i corsi: saranno infatti pubblicati i resoconti dell'ultima seduta della Federal Reserve e prenderà il via una nuova stagione dei risultati semestrali, che sarà avviata come da tradizione dal gigante dell'alluminio Alcoa.

Sul fronte interno gli occhi rimangono puntati su Novartis (+2,06%), dopo il via libera sorprendentemente rapido negli Stati Uniti al suo medicinale Entresto, che stando agli analisti ha un enorme potenziale. Buona anche la performance di Roche (+1,58%) e di un terzo titolo farmaceutico, Actelion (+2,91%). Fra i pesi massimi difensivi sta però guadagnando terreno anche Nestlé (+0,36%).

Nel segmento del lusso Swatch (+0,65%) ha virato in positivo, manovra che invece non è riuscita a Richemont (-0,75%): il comparto sta ultimamente soffrendo per il crollo del mercato azionario in Cina.

Holcim (+1,60%) ha preso atto del successo in Francia dell'offerta pubblica di scambio con Lafarge. Bene orientati sono anche altri valori particolarmente sensibili alla congiuntura come ABB (+1,16%), Adecco (+1,44%) e Geberit (+1,38%). Ancora più tonica è Transocean (+5,87%), che beneficia dell'aumento del prezzo del petrolio e di un miglioramento delle prospettive generali.

Difficoltà sono invece segnalate per i bancari UBS (-0,71%) e Credit Suisse (-0,91%), mentre Julius Bär (+1,39%) si smarca nettamente. In linea con il listino si muovono gli assicurativi Swiss Re (+0,73%) e Zurich (+1,17%).

Nel mercato allargato l'attenzione è concentrata su Barry Callebaut (-1,14%), che ha informato sull'andamento degli affari. Meyer Burger (-2,51%) sta seguendo la tendenza negativa che interessa attualmente i titoli del solare negli Usa.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS