Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo aver stentato nelle prime battute a trovare un orientamento preciso la borsa svizzera ancora in mattinata ha puntato verso verso il basso e da allora non si è più risollevata: alle 15.10 l'indice dei valori guida SMI segnava 6436,47 punti (-0,33% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI era in flessione dello 0,32% a 5953,04 punti.

Stando agli operatori sul mercato domina attualmente la prudenza, anche in vista della raffica di importanti risultati semestrali che saranno pubblicati domani (ABB, Adecco, Nestlé e Swiss Re). Dopo i guadagni di corso realizzati nelle ultime due settimane mancano nuovi impulsi in grado di stimolare gli acquisti: si aspettano ora le mosse delle banche centrali a sostegno della congiuntura e dei paesi confrontati con la crisi del debito, ma bisognerà probabilmente attendere settembre.

In negativo si muovono i bancari UBS (-1,50%) e Credit Suisse (-1,00%), che hanno qualche difficoltà in più degli assicurativi Swiss Re (-0,16%) e Zurich (+0,31%). Dopo le progressioni di ieri sono al ribasso i titoli maggiormente esposti ai cicli economici come ABB (-0,63%) e Adecco (-1,52%), come pure, nel segmento del lusso, Swatch (-1,10%) e Richemont (-0,59%). Nestlé (-0,59%) e Novartis (-0,26%) rimangono meno tonici del terzo peso massimo difensivo, Roche (+0,23%).

Nel mercato allargato hanno informato sull'andamento degli affari DKSH (+1,50% a 54,30 franchi), sbarcata in borsa a 48 franchi nel marzo scorso, e ADB (-0,84%). Rieter (+7,32%) beneficia di una valutazione positiva da parte degli analisti e conferma quindi il trend al rialzo degli ultimi giorni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS