Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera ha avviato le contrattazioni odierne in territorio positivo, con l'indice SMI dei titoli guida che dopo i primi scambi segna 8.321,40 punti, in progresso dello 0,11% rispetto a ieri, mentre l'indice complessivo SPI sale dello 0,09% a quota 9.088,49.

Avvio di seduta positivo anche per Milano (Ftse Mib +0,20% a 19.375 punti), Parigi (Cac +0,23% a 4.866 punti) e Francoforte (DAX +0,21% a 11.624,11 punti). Piatta invece Londra (Ftse -0,04% a 7.245 punti).

Le Borse asiatiche hanno chiuso stamane in ordine sparso dopo la performance incerta di Wall Street, ieri, e gli aggiornamenti della Fed sull'andamento dell'economia Usa, che ha continuato a espandersi anche se a un ritmo modesto.

La Borsa di Tokyo ha terminato gli scambi con l'indice di riferimento saldamente sopra quota 19.000, in scia alla svalutazione dello yen sul dollaro e in attesa dell'insediamento del presidente Usa eletto Donald Trump. Il Nikkei ha guadagnato lo 0,94% a quota 19.072,25, con un aumento di 177 punti.

Nel discorso di ieri la numero uno della Fed ha detto che l'economia statunitense è vicina alla massima occupazione, così come la stabilità dei prezzi, e ha lasciato intendere che i tassi d'interesse saranno aumentati gradualmente. Ieri il Dow Jones ha perso lo 0,11% a 19.804,72 punti, il Nasdaq è salito dello 0,31% a 5.555,66 punti, mentre lo S&P 500 è avanzato dello 0,18% a 2.271,88 punti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS