Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Partenza al rialzo per la Borsa svizzera: l'indice SMI dei titoli guida segna dopo i primi scambi 8'453.93 punti, in progressione dello 0,94%, mentre l'indice complessivo SPI sale dello 0,87% a quota 8'277.35.

Stamane è stato annunciato che Novartis acquisisce le attività oncologiche del gruppo inglese GlaxoSmithKline (GSK) per 14,5 miliardi di dollari (13 miliardi di franchi) e nello stesso tempo vende a quest'ultimo - per 7,1 miliardi di dollari - la divisione vaccini. Inoltre Novartis cede alla società americana Eli Lilly per 5,4 miliardi di dollari il settore dei prodotti veterinari. I mercati hanno accolto positivamente la notizia della ristrutturazione e in borsa il titolo del gigante basilese sta guadagnando il 2,34%.

Avvio di seduta positivo anche per Londra (FTSE-100 +0,29% a 6.644,74 punti), Parigi (CAC 40 +0,43% a 4.450,85 punti) e Francoforte (Dax +0,43% a 9.449,75 punti), mentre Milano rimane cauta (Ftse Mib +0,06% a 21.629 punti).

La Borsa di Tokyo questa mattina ha ceduto nel finale e ha terminato le negoziazioni in calo dello 0,85%, tra scambi sottili in scia alle prese di beneficio alla vigilia della tornata dei dati trimestrali della Corporate Japan. L'indice Nikkei ha perso 123,61 punti, a 14.388,77, malgrado lo yen si sia mantenuto debole contro il dollaro.

Chiusura in territorio positivo, invece, per Wall Street, con il Dow Jones che è salito dello 0,25% a 16.449,25 punti e il Nasdaq che è progredito dello 0,64%, a 4.121,546 punti. Lo S&P 500 è cresciuto dello 0,38% a 1.871,89 punti.

SDA-ATS