Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Mattinata altalenante per la Borsa svizzera: dopo un avvio positivo ha infatti più volte oltrepassato la linea di demarcazione. Verso le 11:30 l'indice dei valori guida SMI segnava un calo dello 0,17% a 8'567.45 punti e quello allargato SPI dello 0,14% a 8'465.72 punti. Sul listino pesano la situazione in Iraq e in Ucraina.

Sul listino principale, tra i pesi massimi difensivi, in rosso Nestlé (-0,14%) , mentre in positivo risultano Novartis e Roche che guadagnano rispettivamente lo 0,44% e lo 0,38%.

Male i titoli bancari, con le maggiori perdite registrate da CS che lascia sul terreno il 2,36%. UBS cede l'1,72% e Julius Bär l'1,57% . Contrastati appaiono invece gli assicurativi: Zurich aumenta dello 0,42% e Swiss Re è in flessione dello 0,76%.

Tra i titoli maggiormente sensibili alla congiuntura ABB e Adecco retrocedono rispettivamente dello 0,29% e dell'1,35%, mentre Holcim avanza dello 0,32% e Geberit dello 0,48%.

SDA-ATS