Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Borsa svizzera perde il 2%

La Borsa svizzera è in forte flessione sulla scia delle tensioni commerciali sino-americane, inasprite ulteriormente dopo l'arresto in Canada della direttrice finanziaria di Huawei, per la quale gli Stati Uniti hanno chiesto l'estradizione.

Verso le 11.30 l'SMI cede l'1,97% a 8'763.85 punti, l'SPI l'1,98% a 10'235.58 punti. Tra le blue chip, tutte in profondo rosso, il titolo peggiore è Credit Suisse (-3,94%), seguito da Julius Bär (-3,65%), Lonza (-3,42%) e Richemont (-3,15%). Limita più di tutti le perdite Swisscom (-0,96%), che è l'unico titolo a cedere meno di un punto percentuale.

Nel mercato allargato Schaffner avanza del 4,60% dopo i risultati 2017/18, mentre Georg Fischer, che cede due fonderie tedesche, perde l'1,83%. Ancora una volta sotto pressione AMS (-6,81%). Fundamenta Real Estate, sbarcata oggi in Borsa, cresce dell'1,72%.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.