Navigation

Borsa svizzera poco mossa

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 novembre 2011 - 12:02
(Keystone-ATS)

Nella prima parte della giornata, i listini alla borsa svizzera hanno oscillato attorno alla linea di demarcazione. Poco dopo le 11.20, l'indice delle blue chip SMI segnava un +0,05% a 5388,95 punti. Sul mercato allargato, l'SPI avanzava invece dello 0,21% a 4890,38 punti.

Sui mercati prevale la prudenza a causa della crisi del debito di Eurolandia e dei timori di un rallentamento congiunturale, peraltro confermato ultimamente anche per la Svizzera, come indicano gli ultimi pronostici pubblicati ieri da UBS, e oggi dal Credit Suisse. Vi è attesa anche in Europa sulla proposta di istituire eurobond, prospettiva invisa a Berlino.

Dopo le "mazzate" dei giorni scorsi, oggi i titoli bancari sono in ripresa. UBS avanza del 3,06%, Credit Suisse dell'1,63% e Julius Baer dell'1,06%. In crescita anche gli assicurativi con ZFS in progressione dello 0,65% e Swiss Re dello 0,95%. Appesantiscono i listini Novartis (-1,19%), Roche (-0,88%) e Nestlé (-0,30%). Oggi la multinazionale del settore alimentare ha reso noto di voler ingrandire nel Regno unito la fabbrica di Nescafé Dolce Gusto investendo 110 milioni di sterline, ossia 157 milioni di franchi. Rimbalzo invece sui titoli ciclici. ABB guadagna il 2,02%, Adecco il 2,17%, Holcim lo 0,84%. Bene anche i titoli del lusso. Swatch cresce del 2,21% e Richemont dell'1,78%.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?