Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Borsa svizzera poco mossa

Dopo una partenza leggermente negativa, la Borsa svizzera, condizionata dalle incertezze che pesano su un eventuale accordo commerciale tra la Cina e gli Stati Uniti, ha proseguito la mattinata al piccolo trotto attorno alla parità.

Verso le 11.30, l'indice SMI dei titoli guida avanzava dello 0,04% a 8996,11 punti. L'indice completo SPI perdeva lo 0,02% a 10'613,71 punti.

Tra le blue chip che sostengono il mercato, Novartis saliva dello 0,73%. Oggi il gigante farmaceutico basilese ha comunicato di avere in portafoglio ben 26 blockbuster potenziali, ossia farmaci suscettibili di generare fino a un miliardo l'anno di introiti. Tra gli altri pesi massimi, Roche avanzava dello 0,47% e Nestlé dello 0,45%.

In sofferenza invece i bancari, con UBS in arretramento dello 0,52%, Credit Suisse dell'1,08% e Julius Baer dello 0,80%. Perdite più contenute per gli assicurativi: Zurich cedeva lo 0,19%, Swiss Re lo 0,22% e Swiss Life lo 0,05%.

Male anche i titoli ciclici, che scontano le incertezza a livello internazionale circa le vertenze commerciali e le ricadute sulla congiuntura. ABB perdeva lo 0,78%, Adecco l'1,22%, LafargeHolcim lo 0,94%. In negativo anche i valori legati al lusso con Swatch in arretramento del 2,79% e Richemont dello 0,84%.

A livello di SPI, Dufry cedeva il 4,81%: il gruppo basilese, specializzato nel commercio al dettaglio esentasse aeroportuale, ha registrato un fatturato di 6,5 miliardi di franchi, in crescita del 4,6% rispetto allo stesso periodo del 2017. Tuttavia, la crescita organica (+3,1%) è stata al di sotto delle attese e molto inferiore al 7,9% registrato un anno prima.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.