Tutte le notizie in breve

La Borsa svizzera continua a registrare guadagni anche nel primo pomeriggio, con l'indice SMI dei principali titoli che verso le 15:20 segna una progressione dello 0,65% a quota 8'601.77, mentre l'indice complessivo SPI sale dello 0,58% a 9'421.62 punti.

Unici titoli in controtendenza al momento sono il colosso dell'alimentare Nestlè (-0,13%), Givaudan (-0,66%) e Julius Baer (-0,02%). A trainare il listino della piazza zurighese sono invece soprattutto i bancari Credit Suisse (+4,22%) e UBS (+4,20%). Secondo analisti, approfittano delle aspettative di un aumento dei tassi di interesse negli USA a marzo. Stamattina il presidente della Fed di New York, William Dudley, ha detto infatti che i motivi per un rialzo dei tassi si sono fatti più convincenti.

UBS ha pubblicato stamane il suo indicatore dei consumi privati in gennaio, salito da 1,38 (dato rivisto) a 1,43 punti. CS ha invece diffuso i dati relativi all'indice dei responsabili degli acquisti (Purchasing Manager's Index, PMI), cresciuto a febbraio di 3,2 punti rispetto a gennaio, attestandosi a quota 57,8, il livello più alto da aprile 2011.

Buoni i guadagni anche per ABB (+1,41%), il titolo del lusso Richemont (+1,42%) e Syngenta (+1,36%). Rimangono un po' indietro, seppur positivi, i pesi massimi difensivi Novartis (+0,13%) e Roche (+0,04%).

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve