Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Prosegue al di sotto della parità la seduta della Borsa svizzera: alle 11.30 l'SMI cede lo 0,43% a 9'066.08 punti, l'SPI lo 0,28% a 9'193.23 punti. A pesare è ancora il Pil americano nel primo trimestre, pubblicato ieri e risultato sotto le attese.

Holcim cede lo 0,74%. Il gruppo cementifero sangallese ha subito nel primo trimestre un calo del giro d'affari del 2,8% a 3,972 miliardi di franchi. L'utile netto è tuttavia più che raddoppiato (+111,8%) a 378 milioni grazie alla cessione di una partecipazione in Thailandia. A livello operativo (EBITDA) l'utile si è contratto del 3,9% a 593 milioni (+3,3% senza le spese per la prevista fusione con Lafarge). In forte calo gli altri titoli ciclici: ABB scende del 2.20%, Adecco dell'1,55% e Geberit dello 0,95%.

Da parte sua Swiss Re perde lo 0,54%. Il riassicuratore zurighese ha realizzato nel primo trimestre un utile netto di 1,4 miliardi di dollari, il 17% in più dello stesso periodo del 2014. La raccolta globale dei premi e degli onorari è rimasta invariata a 7,6 miliardi, ma a tassi di cambio costanti risulterebbe una progressione del 7%.

Tra le altre blue chip pesanti Syngenta (-4,60%), scambiata però senza la cedola del dividendo, Swatch Group (-1,50%) e SGS (-1,24%). Contrastati i pesi massimi difensivi, con Nestlé in flessione dello 0,30%, Novartis invariata e Roche in rialzo dello 0,19%.

Nel mercato allargato da segnalare che Kaba sale dell'11,15% dopo aver annunciato un progetto di fusione con la tedesca Dorma.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS