Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera, dopo una partenza in territorio positivo, rallenta: l'indice SMI dei titoli guida in fine di mattinata scende sotto la soglia della parità (-0,07% a 8'191,99 punti), così come l'indice complessivo SPI (-0,22% a 8'865,45 punti).

Al centro dell'attenzione degli investitori vi sono diverse aziende che stamane hanno presentato i risultati semestrali. Roche, che ha registrato un aumento dell'utile netto del 4% a 5,47 miliardi di franchi su un fatturato cresciuto del 6% a 25,02 miliardi, sta arretrando dello 0,55%.

In sostanziale crescita invece Swatch Group (+3,11%) che in mattinata, confermando l'avvertimento sugli utili, ha accusato un calo dei profitti del 52% a 263 milioni di franchi su un volume d'affari in contrazione dell'11,4% a 3,72 miliardi. Dall'inizio dell'anno il titolo ha comunque perso il 22%.

Quotazioni in progressione (+1,54%) anche per ABB, che pure ha archiviato il semestre con profitti (-21% a 906 milioni di dollari) e vendite (-6% a 16,58 miliardi) in flessione. Le cifre sono inferiori alle previsioni degli analisti riguardo ai ricavi, ma battono i pronostici per quanto concerne la redditività.

Quanto agli altri principali titoli della borsa, Nestlé arretra dello 0,38%, mentre Novartis si mantiene a galla (+0,12%). Contrastati i bancari, con UBS (-0,30%) e Julius Bär (-0,05) in territorio negativo, mentre Credit Suisse allunga il passo (+0,62%).

Gli investitori guardano peraltro con attenzione alla BCE che oggi farà il primo annuncio di politica monetaria dopo il voto britannico sulla Brexit.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS