Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Pur restando chiaramente al di sotto della parità, gli indici della Borsa svizzera hanno un po' ridotto le perdite nel primo pomeriggio. Alle 15.30 circa l'SMI cede lo 0,35% a 6'845.33 punti, l'SPI lo 0,37% a 6'002.58 punti.

Gli investitori continuano a mostrare prudenza in vista del pronunciamento, domani, della Corte costituzionale tedesca sulla legittimità della partecipazione al fondo europeo di salvataggio permanente (Esm) e dell'adozione, giovedì, di possibili nuove misure di stimolo da parte della Fed.

Il deficit commerciale americano, salito dello 0,2% a 42 miliardi di dollari in luglio, non ha inciso sul mercato. Le esportazioni sono scese dell'1% mentre le importazioni sono calate dello 0,8%.

Sul listino principale sempre in forte calo i titoli del lusso - Richemont cede il 5,46%, Swatch Group il 3,60% - in seguito all'avvertimento sugli utili del gruppo britannico Burberry. Pesante anche Transocean (-1,18%).

Sono invece migliorati i bancari, con Credit Suisse che perde lo 0,75%, UBS lo 0,51% e Julius Bär lo 0,19%. Quanto ai pesi massimi difensivi, in flessione Novartis (-0,09%), mentre Nestlé è invariata e Roche sale dello 0,23%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS