Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Rimane debole la Borsa svizzera, con l'indice SMI dei titoli guida che verso le 15.45 amplia le perdite e segna una flessione dello 0,40% a 8'582.29 punti. L'indice complessivo SPI arretra dello 0,61% a quota 8'474.37.

Al centro dell'attenzione il gigante farmaceutico Novartis, che stamane ha annunciato un utile semestrale di 5,6 miliardi di dollari (5 miliardi di franchi), in crescita del 13,5% rispetto alla prima metà del 2013, su un fatturato salito del 2% a 28,7 miliardi.

Gli analisti hanno lasciato trasparire una certa delusione, in particolare per quanto riguarda le divisioni Vaccini e Consumer Health. Anche il farmaco Alcon (oftalmologia) ha fatto meno bene del previsto, mentre la divisione Pharma ha soddisfatto le attese. Il titolo in borsa sta cedendo il 2,09%, trascinando con sé la concorrente Roche (-0,75%).

Hanno reso noto i risultati della prima metà dell'anno anche SGS (255 milioni; -3,8%), che sta cedendo il 2,34 %, e Givaudan (305 milioni; +12,6%) che sta guadagnando l'1,60%. Sostiene il listino il gigante dell'alimentare Nestlé (+0,51%).

Deboli i valori bancari: UBS lascia sul terreno lo 0,60%, Credit Suisse lo 0,91% e Julius Bär lo 0,82%. Contrastati gli assicurativi, con Zurich Insurance che arretra dello 0,15% e Swiss Re che avanza dello 0,32%. Tutti i titoli ciclici sono di segno meno ad eccezione di ABB (+0,29%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS