Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera appare fiacca, con l'indice SMI dei titoli guida che in fine di mattinata segna una flessione dello 0,31% a 9'118,32 punti, mentre l'indice globale SPI arretra dello 0,30% a quota 9'259,27.

Sui mercati continua incessantemente a pesare l'incognita del debito greco: ieri il Fondo monetario internazionale ha abbandonato il tavolo delle trattative di Bruxelles ed è tornato a Washington, convinto che un accordo sia molto lontano e frustrato dalla assoluta mancanza di progressi nel negoziato.

Il presidente dell'Ue, Donald Tusk, ha peraltro esercitato nuova pressione sul governo ellenico invitandolo a farla finita con il "gioco d'azzardo" e ad essere "più realista", perché qualcuno potrebbe presto chiamare il "game over".

I listini a Zurigo sono sostenuti unicamente dal colosso dell'alimentare Nestlé (+0,14%), nonché da Swatch (+0,19%), Swisscom (+0,38%) e ABB (+0,19%).

Tra i bancari Credit Suisse (-0,08%) rimane vicina alla soglia della parità, mentre fanno un passo indietro UBS (-0,59%) e Julius Bär (-0,48%). Arretrano anche i giganti farmaceutici Novartis (-0,16%) e Roche (-0,95%).

Sul mercato allargato Sika, che ieri ha ottenuto in tribunale un punto in suo favore nella disputa che la oppone alla rivale Saint Gobain, sta guadagnando l'1,7%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS