Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera rimane in territorio negativo, con l'indice SMI dei principali che poco prima di mezzogiorno segna 9'045,15 punti, in flessione dello 0,55%, mentre l'indice complessivo SPI arretra dello 0,37% a quota 10'656,08.

In evidente difficoltà appare UBS, dopo che il Dipartimento statunitense della giustizia ha annunciato questa notte di aver avviato un'azione civile ai danni della banca, accusata di aver ingannato gli investitori proponendo loro titoli garantiti da prestiti ipotecari rischiosi, i cosiddetti subprime.

UBS è inoltre sotto processo a Parigi con l'accusa di riciclaggio aggravato di proventi di frode fiscale: il ministero pubblico al riguardo ha chiesto ieri una multa di 3,7 miliardi di euro. Il titolo UBS in borsa è subito apparso debole e attualmente sta cedendo il 4,17%, trascinando con sé Credit Suisse (-1,76%) e Julius Bär (-2,65%).

I pesi massimi difensivi appaiono contrastati: il colosso dell'alimentare Nestlé avanza dello 0,42% e in progressione risulta anche Roche (+0,60%). Novartis (-0,11%) non riesce invece a rimanere a galla.

Dopo il tonfo di ieri continua a perdere terreno il segmento del lusso. Swatch sta scivolando all'indietro del 4,09% e Richemont addirittura del 6,40%. Il gruppo ginevrino ha presentato utili semestrali in forte rialzo, ma gli altri indicatori della performance aziendale sono risultati sotto le aspettative degli analisti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS