Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo una partenza solida i listini della Borsa svizzera sono arrivati ad oscillare attorno alla parità prima di riprendere vigore e superare i livelli dell'apertura. Alle 15.25 l'SMI guadagna lo 0,45% a 9'026.20 punti, l'SPI lo 0,35% a 10'270.02 punti.

Il listino principale viene sempre sorretto da Novartis, che guadagna il 3,76% dopo aver raggiunto i propri obiettivi nella fase III di studi clinici con il preparato ACZ885 (Canakinumab). Analisti parlano di risultati inaspettatamente positivi. In calo per contro, tra i pesi massimi difensivi, Nestlé (-0,72%), mentre Roche avanza dello 0,08%.

Bene il lusso dopo la pubblicazione dei dati sulle esportazioni orologiere in maggio (+9%). Swatch sale dello 0,92% e Richemont dell'1,00% mentre scendono gli assicurativi: Swiss Life cede l'1,12%, Zurich lo 0,80% e Swiss Re lo 0,11%. Tra i bancari Credit Suisse perde lo 0,81% e UBS lo 0,38%, mentre Julius Bär cresce dello 0,20%.

Nel mercato allargato in evidenza Santhera che guadagna il 15,94%. Il gruppo farmaceutico ha ottenuto dalle autorità britanniche una valutazione scientifica positiva per il medicinale Raxone per il trattamento della distrofia di Duchenne, nota anche come distrofia muscolare generalizzata dell'infanzia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS