Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera rimane negativa anche nel pomeriggio, con l'indice SMI dei principali titoli che a circa due ore dalla chiusura segna una flessione dello 0,52% a 9'004.55 punti, mentre l'indice complessivo SPI scende dello 0,46% a quota 10'248.51.

Da mezzogiorno lo SMI oscilla attorno alla soglia dei 9'000 punti. Secondo un esperto in questa calda giornata di fine della settimana mancano impulsi: gli investitori non hanno bisogno di riposizionarsi dopo un periodo tutto sommato molto positivo. Inoltre, sul listino pesa un deterioramento superiore del previsto della fiducia delle imprese nell'Eurozona.

In Svizzera l'appetito degli investitori è stato inoltre smorzato dal barometro congiunturale del KOF, corretto lievemente al ribasso per quanto riguarda la crescita svizzera: il prodotto interno lordo aumenterà dell'1,3% quest'anno, contro il +1,5% pronosticato tre mesi or sono.

Tra le blue chip elvetiche pesano sul listino soprattutto Adecco (-1,48%), UBS (-1,02%), Givaudan (-1,01%) e Novartis (-0,95%). In calo gli assicurativi Zurich Insurance (-1,05%), Swis Life (-0,92%) e Swiss Re (-0,28%). Per quanto riguarda i bancari, anche Credit Suisse (-0,45%) e Julius Bär (--0,10%) risultano in calo.

Al di sopra della linea di demarcazione si situano solo Geberit (0,02%), Swisscom (0,21%), Lonza (0,39%), Roche (0,20%) e Lafargeholcim (0,45%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS