Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Mattinata positiva per la Borsa svizzera, grazie soprattutto a Nestlé. Poco dopo le 11.35, l'indice principale SMI segnava una progressione dello 0,53% a 8024,46 punti. Sul mercato allargato, l'SPI avanzava dello 0,46% a 7621,53 punti.

A parte l'accordo raggiunto in "zona Cesarini" negli Stati Uniti per l'innalzamento del tetto del debito, i listini sono stati influenzati positivamente dai trimestrali pubblicati da alcune grandi società.

Nestlé avanza del 2,66%. Le vendite del gigante alimentare sono aumentate del 4% nei primi nove mesi dell'anno rispetto allo stesso periodo del 2012, a 68,4 miliardi di franchi. La crescita organica è stata del 4,4%. Benché questi risultati siano leggermente inferiori alle stime degli analisti, il titolo è molto ricercato.

Tra gli altri pesi massimi si segnala Roche, in progressione dello 0,24%. Il gigante farmaceutico ha registrato un fatturato in crescita del 6% a tassi di cambio costanti nel corso dei primi nove mesi dell'anno. I ricavi sono saliti a 34,9 miliardi di franchi. La progressione in franchi si attesta al 3%. La crescita è in linea con le previsioni degli analisti interrogati dall'agenzia Reuters. Il concorrente Novartis avanza dello 0,30%.

Il titolo del gruppo biotecnologico Actelion scende invece del 3,25%. La società ha archiviato i primi nove mesi dell'esercizio 2013 in crescita con un utile netto di 304 milioni di franchi, in progressione del 13% (17% in monete locali) su un anno. Tale risultato è inferiore alle stime degli analisti.

Nell'agrochimico, il titolo di Syngenta sale dell'1,66%. Il giro d'affari nel terzo trimestre è risultato in crescita dell'8%: i ricavi si sono attestati a 2,92 miliardi di dollari (2,64 miliardi di franchi). Il giro d'affari è in linea con i pronostici degli analisti.

Tra i bancari, UBS cede lo 0,74%, Credit Suisse lo 0,38% e Julius Baer lo 0,11%. In progressione invece Zurich dello 0,34% e Swiss Re (+0,06%).

Nel listino allargato, Sulzer accusa una contrazione del 5,28%. Il gruppo ha comunicato oggi di voler tagliare 100 posti di lavoro a Winterthur (ZH) nell'ambito della ristrutturazione avviata per snellire l'amministrazione e posizionare meglio le sue divisioni sul mercato. Quanto all'andamento degli affari, la società ha fatto sapere che l'entrata degli ordinativi nei primi nove mesi dell'anno è in rialzo dell'1,8%, rispetto allo stesso periodo del 2012, a 3,03 miliardi di franchi. Tre delle quattro divisioni del gruppo hanno registrato una crescita. Gli specialisti avevano previsto nuovi ordinativi per 3,11 miliardi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS