Tutte le notizie in breve

Mattinata negativa per la Borsa svizzera, sempre sulla scia delle incertezze geopolitiche. Alle 11.20 l'indice principale SMI cede lo 0,46% a 8'624.07 punti, quello allargato SPI lo 0,42% a 9'694.57 punti.

I volumi di scambio sono limitati considerando le festività pasquali alle porte, con la piazza elvetica chiusa sia domani che lunedì.

Tutte le blue chip sono in calo. Ancora una volta sotto pressione sono i bancari, con UBS che perde lo 0,90%, Credit Suisse l'1,17% e Julius Bär l'1,13%. Pesante anche LafargeHolcim (-1,19%).

Tra i pesi massimi difensivi Nestlé scende dello 0,46%, Novartis dello 0,34% e Roche dello 0,31%. Syngenta segna un calo dello 0,15%. Il gigante cinese della chimica ChemChina ha nuovamente prolungato il termine della sua offerta di acquisto per il gruppo agrochimico basilese; la scadenza è ora fissata al 4 maggio. Si tratterà dell'ultima estensione.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve