Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Giornata sotto tono oggi per la Borsa svizzera, con i listini che hanno oscillato per l'intera seduta attorno alla parità. In chiusura di contrattazioni, l'indice dei titoli guida SMI ha terminato con una perdita marginale dello 0,03% a 8936,08 punti.

In controtendenza l'indice completo SPI, attestatosi a 9145,85 punti, in crescita dello 0,14%.

Gli scambi sono stati condizionati dall'incertezza di Wall Street, con gli operatori cauti nell'attesa della pubblicazione di importanti indicatori economici e dei risultati di alcune società.

Sugli scambi a Zurigo hanno pesato le vendite sui titoli difensivi, con Roche in flessione dello 0,48% a 267 franchi, Novartis dello 0,45% a 89,45 franchi e Nestlé dello 0,73% a 75,05 franchi.

Tra le blue chip in rialzo - oltre alla sempre volatile Transocean (+4,37% a 15,76 franchi) - si è segnalata UBS (+1,21% a 20,02 franchi), che pubblicherà domani i risultati trimestrali, SGS (+1,22% a 1907 franchi) e Geberit (+1,57% a 324,30 franchi): HSBC ha migliorato la sua raccomandazione per il titolo del gruppo sangallese, sotto pressione la settimana scorsa dopo la presentazione delle cifre dei primi nove mesi.

Tra gli altri bancari, Credit Suisse ha registrato una crescita dello 0,81% a 24,88 franchi e Julius Baer dell'1,26% a 49,74 franchi. Tra gli assicurativi, Zurich ha messo a segno un +0,88% a 263,60 franchi e Swiss Re un + 1,63% a 93,40 franchi.

Bene i ciclici: ABB è salita dello 0,64% a 18,78 franchi, Adecco dello 0,34% a 73,85 franchi e LafargeHolcim dello 0,81% a 56,20 franchi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS