Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera ha terminato le contrattazioni odierne in territorio positivo con l'indice SMI dei principali titoli che ha segnato un progresso dello 0,48% a 8'651,98 punti, mentre l'indice complessivo SPI si è assestato a quota 8'550,15 , in crescita dello 0,53%.

La borsa svizzera continua quindi sulla via della ripresa, anche se mancano ancora circa 500 punti per raggiungere il livello che si registrava a metà gennaio, prima della decisione della Banca nazionale di abbandonare la soglia minima di cambio con l'euro.

I mercati sono stati sorretti dalla distensione che si profila nella crisi ucraina e dalle speranze di giungere a una composizione delle controversie sul debito greco. Il presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker, ha comunque tenuto a stemperare i facili ottimismi, affermando che l'Unione Europea e la Grecia "sono lontane" da un accordo.

Nel corso della giornata odierna è apparsa robusta Credit Suisse (+1,94% a 22.02 franchi), che ieri - dopo la presentazione dei risultati annuali - aveva fatto un balzo di oltre il 9%. Hanno seguito il movimento al rialzo anche UBS (+1,91% a 15.99 franchi) e soprattutto Julius Bär (+2,31% a 44.65 franchi). Meno tonici gli assicurativi, ma pur sempre di segno più: Swiss Re ha guadagnato lo 0,35% (a 84.85 franchi) e Zurich Insurance lo 0,53% (a 304.80 franchi.)

Contrastati i titoli più esposti ai cicli congiunturali con ABB (+1,95% a 19.88 franchi) in fase ascendente, mentre hanno arrancato Adecco (-0,84% a 70.95 franchi) e Geberit (-0,54% a 316.00 franchi). Holcim è rimasta sostanzialmente ferma sulle quotazioni di ieri (-0,07% a 69.55 franchi).

Gli ordini di vendita hanno prevalso sul gigante dell'alimentare Nestlé (-0,42% a 70.30 franchi), ma hanno sostenuto i listini Novartis (+0,11% a 94.70 franchi), Roche (+0,79% a 243.60 franchi), così come la società biotecnologia Actelion (+2,33% a 105.40 franchi). Seduta di tutto rispetto, nel segmento del lusso, per Richemont che ha allungato il passo dell'1,99% (a 82.00 franchi), mentre più modesto è stato l'andamento di Swatch (+0,70% a 428.60 franchi).

Sul mercato allargato Schindler ha messo a segno un progresso del 5,75% (a 149.00 franchi) dopo che stamane ha annunciato utili annuali in crescita del 94,8% a 902 milioni di franchi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS