Dopo un'apertura in rialzo, la Borsa svizzera ha perso via via terreno fino a scendere al di sotto della linea di demarcazione nel pomeriggio, in seguito alla frenata del Pil Usa nel primo trimestre peggiore delle attese.

Verso le 15:45 l'indice dei valori guida SMI cedeva lo 0,72% a 9'193,38 punti e quello allargato SPI lo 0,60% a 9'303,07 punti.

Nel pomeriggio è stato reso noto che l'economia americana rallenta e cresce nel primo trimestre solo dello 0,2%, dopo il +2,2% degli ultimi tre mesi del 2014. Il dato è sotto le attese degli analisti, che scommettevano su un aumento dell'1%. A pesare sulla crescita il rallentamento delle esportazioni, il calo dei prezzi del petrolio e la riduzione degli investimenti.

Tra le blue chip, solo quattro i titoli in positivo: CS Group (+0,08%), SGS (+0,48%), Swatch Goup (+1,25%) e Swisscom (+1,36%).

I titoli bancari UBS e Julius Bär cedono rispettivamente lo 0,10% e lo 0,30%. Quanto agli assicurativi Zurich scende dello 0,24% e Swiss Re dello 0,06%.

Tra i pesi massimi difensivi, le maggiori perdite vengono segnate da Nestlé (-1,47%) e da Novartis (-1,26%). Roche è in flessione dello 0,73%.

ABB, che oggi ha pubblicato i risultati trimestrali, lascia sul terreno lo 0,28%.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.